Kujacoustic

Massimo Gatti  Mandolin

Massimo Gatti can be considered one of the best modern European mandolinists. Sixty-two years, from Milan, has developed a considerable set of technical background from the meeting with the bluegrass, a great passion far from forgotten. He received a first musical training at the Conservatory of Milan where he approached the piano at a very young age. Then the acoustic guitar and soon after, we are in 1975, he was thunderstruck by the mandolin.

In 1977 he founded the Bluegrass Stuff the first Italian bluegrass band, still active, and started many projects all in the name of a strictly acoustic music. He concentrated into the study of the Composition at the Civica Scuola di Musica Claudio Abbado in Milan. The return to North American music takes place with Hot Stuff, a group that in the late '80s made a claim for itself and toured in Europe, USA and Japan. From 1992 till 1998 he was part of EuroGrass the virtuoso bluegrass band with members from Austria, Germany, Spain, France and Italy.

Hanging out on the Milano musical scene resulted in important meetings for Gatti: first with Claudio Sanfilippo, a refined singer-songwriter with whom he performed in Sanremo as part of the Tenco Prize in 1985 and 1996, then with Riccardo Zappa, one of the most interesting guitarist on the Italian scene as well as editor of the series Collana Strumento for the DDD label. For him he recorded "Frangenti"  in 1990, which received enthusiastic acclaim from critics all over the world. In this record Gatti successfully explores the territory of the composition, inspired by the atmosphere of the so-called "New Acoustic Music", but favoring the melodic approch rather than the technical spectacularity. An authoritative and surprising recognition to the work of Gatti came from David Grisman, the tutelary deity of modern mandolinists, who at the disc preface expresses himself thus: "... Massimo Gatti is in the world, one of the new generation mandolinists who are reinventing the music for mandolin and for that I congratulate him. "

In recent years he moved to Friuli Venezia Giulia where he works on different new fronts:

Kujacoustic a instrumental trio of original  music together with Michele Pucci flamenco guitar and Alessandro Turchet contrabbasso, and Franco Giordani one of the most interesting songwriter ov thr He has recorded fifteen records so far, while he has participated in at least twenty other Cds with Rino Zurzolo, Aldo Navazio, Riccardo Zappa, Claudio Sanfilippo, Tiziano Gerosa, Jens Krüger, Jan Hiermeyer, Franco Giordani, Michele Pucci, Duck Baker, Woody Mann, Ed Gerhard, Bob Brozman etc.

To be remembered his collaboration on the last album Anime Salve by Fabrizio De Andrè (the most famous Italian songwriter) in the beautiful opening song Princesa.

His piece Frangenti that gives the title to the homonymous album was recorded in 1995 by Nashville Mandolin Ensemble in his debut album Plectrasonic and George Winston in 2000 on his album "Plains" which got the nomination for the Grammy.

Massimo is gold endorser of the prestigious American string company D'Addario.



Inserisci testo

Massimo Gatti può essere considerato uno dei migliori mandolinisti europei di genere moderno. Sessanta due anni, milanese, ha sviluppato il suo notevole bagaglio tecnico dall’incontro con il bluegrass, una grande passione tutt’altro che dimenticata. Riceve una prima formazione musicale al Conservatorio dove giovanissimo si avvicina al pianoforte. Poi la chitarra acustica e subito dopo, siamo nel 1975, il colpo di fulmine con il mandolino; Nel 1977 fonda i Bluegrass Stuff la prima bluegrass band italiana, tuttora attiva, e avvia numerosi progetti tutti all’insegna di una musica rigorosamente acustica. Si cimenta nella studio della Composizione alla Civica Scuola di Musica di Milano e contemporaneamente fa esordire Abacus, un trio acustico con il quale fa numerose apparizioni televisive RAI. Il ritorno alla musica nordamericana avviene con gli Hot Stuff , un gruppo che alla fine degli anni ottanta si fece apprezzare sia in Europa sia negli Stati Uniti e in Giappone. Dalla frequentazione dell’ambiente musicale milanese nascono per Gatti incontri importanti per la sua carriera: prima con Claudio Sanfilippo, un raffinato cantautore con il quale si esibisce a Sanremo nell’ambito del Premio Tenco nel 1985 e 1996, poi con Riccardo Zappa, chitarrista tra i più interessanti della scena italiana nonché curatore della Collana Strumento per l’etichetta DDD. Per lui realizza in CD “ Frangenti” nel 1990 che ottiene consensi entusiastici dalla critica di tutto il mondo. In questo disco Gatti esplora con successo il territorio della composizione, ispirandosi alle atmosfere della cosiddetta “New Acoustic Music”, ma privilegiando gli elementi melodici piuttosto che la spettacolarità tecnica. Un riconoscimento autorevole e sorprendente al lavoro di Gatti è arrivato proprio da David Grisman, il nume tutelare dei mandolinisti moderni, che alla prefazione al disco si esprime così: “... Massimo Gatti è nel mondo, uno dei mandolinisti della nuova generazione che stanno reinventando la musica per mandolino e di ciò mi congratulo con lui.”

Negli ultimi anni ha lavorato su tre nuovi fronti: un ensemble che porta il suo nome il Massimo Gatti Quintet, la formazione con musicisti francesi, spagnoli e austriaci del gruppo Euro Grass e il trio Carolan Consort che si ispira alle musiche del famoso arpista irlandese.

Con varie formazione ha registrato finora nove dischi, mentre a partecipato ad almeno altri dieci lavori con Rino Zurzolo, Aldo Navazio, Riccardo Zappa, Claudio Sanfilippo, Tiziano Gerosa, Jens Krüger, Jan Hiermeyer, etc. Da ricordare la sua collaborazione all'ultimo disco di Fabrizio De Andrè Anime Salve, nel bellissimo pezzo di apertura dal titolo Princesa.

Ha formato una nuova etichetta Arcipelago con cui ha prodotto il suo ultimo lavoro solista Il Sogno di Icaro.

Il suo pezzo Frangenti che da il titolo all'omonimo album è stato registrato nel 1995 dalla Nashville Mandolin Ensemble nel suo album di esordio Plectrasonic e da George Winston nel suo album "Plains" che ha ottenuto la nomination per il Grammy Dal 1996 è “gold endorser” della prestigiosa ditta di corde americana D’Addario.