Kujacoustic

Michele Pucci Flamenco Guitar

Michele Pucci was born in 1970.

He plays guitar, cello, frame percussions, and is a composer


As a boy, he would never have thought of becoming a professional musician... In effect he graduated in Geology, but during his studies he started playing rock music (in addition to the earth's rocks...) and flamenco, creating “Mimbrales”, a group where the traditional andalusian music was mixed with classic music, blues etc... and since those days, he developed his own style, with a deep search on polyrhytmics.


Michele Pucci as well as working with various flamenco groups, is a well-known solo guitarist, with two Cds of his own songs, but loves to work with others ethno- or folk- oriented musicians, overall in duo with Giulio Venier (Pucci Venier Duo, with the new project Dos FolkS) or with Alberto Chicayban (“Pasodoble 21” duo); as a trio, on Kujacoustic trio with Massimo Gatti on the mandolin and Alessandro Turchet on the bass, and on Kythara a crossover project, with Francesco Bertolini and Enrico M. Milanesi; moreover, he plays with the ethno quartet La Frontera and he likes accompanying traditional folksingers as Marisa Scuntaro (Project Marilenghe).


Actually, he has recorded 18 Cds with various groups and appears in many others project as a guest. He is also a very appreciated teacher.


Michele Pucci nasce nel 1970.

All'età di 10 anni inizia lo studio del violoncello, sotto la guida di Mario Brunello.

Dopo cinque anni lascia la pratica di questo strumento per cominciare a suonare, da autodidatta, la chitarra classica.

Per puro diletto, suona in varie formazioni venete di rhytm'n'blues, funky, blues acustico.

Nel 1994 conosce la ballerina di flamenco Manuela Carretta, e quindi si dedica allo studio della chitarra flamenca, collaborando con ballerine, chitarristi e “cantaores” della scena flamenca italiana e internazionale, sia in concerto che in stages (Carmen Ledesma, Carmen Amor, Cristina Benitez, Miguel Angel, Timo Lozano, Eva Moreno, La Chiqui, Josè Salguero, Rina Garavelli, Angelo Giordano, Paola Volta, etc...).

Trasferitosi in Friuli nel 1998 Inizia a collaborare col violinista folk Giulio Venier, formando un duo che in pochi anni si esibisce in circa 500 concerti tra Italia, Svizzera ed Austria.

All'attività di concertista affianca poi nel corso degli anni vari altri progetti musicali, in particolare spettacoli teatrali rivolti ai bambini delle scuole elementari e materne,

Nel settore del teatro per bambini e per ragazzi, ha inoltre una lunga collaborazione con la Compagnia "Molino Rosenkranz" (in particolare ha curato le musiche di scena dello spettacolo "I tre pini di Natale" tratto dall'omonimo libro di Vivienne Lamarque e quelle per lo spettacolo "L'uomo che piantava gli alberi" tratto dal libro di Jean Giono) e ha effettuato alcuni spettacoli teatrali come musicista in scena assieme all'attrice Sonia Cossettini.

Attualmente collabora in particolare con il violinista folk Giulio Venier, con cui ha registrato i CD “Doismiao” (Edit 2000),  "Bootleg" (Edit 2002), ed il CD “Liacht” (2002) insieme al famoso gruppo folk stiriano “Aniada a Noar”; col quartetto etnofolk “La Frontera” (quattro Cd all'attivo, “Oltre le frontiere”, 2001; “Mar Bianco”, 2004; "Ferme tes yeux", 2007; "Mistral", 2015) con concerti in tutta Italia, Croazia e Francia; per quanto riguarda la musica di ricerca della tradizione friulana, suona in trio assieme a Marisa Scuntaro e Lucia Clonfero ("Progjèt Marilenghe").

Suona inoltre in trio col famoso mandolinista Massimo Gatti e col virtuoso contrabassista jazz Alessandro Turchet (trio "Kujacoustic") con cui ha registrato il cd “Nadal” (Arcipelago 2015)

in duo col chitarrista e compositore brasiliano Alberto Chicayban (con cui ha ideato il sito web “lemetronome.org” e la rassegna "Donna, la musica dimenticata", sulle donne compositrici);

vNel trio "Kythara" con altri due chitarristi virtuosi, Enrico M. Milanesi e Francesco Bertolini, oltre a importanti collaborazioni nel campo della musica "Irish" (gruppo "Green Waves"), nel cantautorato (Mauro Vidoni) e a varie esperienze come turnista in sala di registrazione.

Per quanto riguarda il Flamenco, collabora attivamente con varie formazioni in Italia ed all'estero, oltre a effettuare concerti da solista e seminari didattici in Scuole di musica e Conservatori.  

E' dimostratore della chitarra flamenca della liuteria "Thomas Guitars" di Bolzano.

Nel 2018 ha vinto il concorso nazionale dell'associazione ADGPA Italia.